Home » Foto

Foto

In queste pagine potete trovare alcune delle foto tratte dai backstage dei miei film, foto dei viaggi e degli amici che ho avuto la fortuna di conoscere in oltre 30 anni di riprese in giro per il mondo.

A proposito questa è una foto che celebra il mio primo film. Un servizio di oltre 17 minuti su Canale 5 dove raccontavo cosa provava un pilota della domenica (cioè quelli che volano sui  “Cessna” degli aeroclub) a fare acrobazia sui Jet della Pattuglia Acrobatica Italiana: le mitiche Frecce Tricolori.

MB-339-Mike-a-terra-WEB Alle mie spalle potete intravedere l’Arriflex che mi ha accompagnato nel volo. Si girava in pellicola ovviamente e nelle manovre acrobatiche la cinepresa pesava troppo per poterla mantenere stabile… per non parlare dello stomaco che non sopportava l’idea di guardare il mondo attraverso un oculare che fliccherava e inquadrava un panorama laterale rispetto al moto del Jet.

Ma alla fine mi ritrovai seduto sul Martin-Baker ( il seggiolino eiettabile) del Jet. Il cervello andava a mille e tremavo all’idea di dimenticare qualche cosa per poi ritrovarmi il giorno dopo con una pellicola da buttare ( i 120 mt di 16mm duravano appena 12 minuti e, ovviamente . bisognava svilupparli per capire se il lavoro era stato fatto bene.

Un jet per 1000 acrobazie 1 L’ultimo check prima del decollo.

MB-339 pronti al decollo L’unica posizione per poter filmare.

Potevo filmare solo alla mia sinistra per due motivi. Davanti a me avevo il casco del Com. Bonazzi e una parte dell’Head up display del mio posto di pilotaggio, inoltre il canopy del jet deformava abbastanza le immagini. A destra non potevo puntare la cinepresa perché non avevo abbastanza spazio per ruotarla in quanto il casco mi obbligava a tenerla al pelo sulla spalla. Ero quindi costretto a filmare a sinistra obbligando il mio stomaco a degli sforzi che mi hanno portato più volte sull’orlo del disastro…

Mi ero allenato facendo un po’ di acrobazia (si fa per dire) ma tra l’emozione dell’avvenimento, la tensione nervosa (dovevo ricordarmi le lezioni per il maneggiamento di una cinepresa altamente professionale) e il continuo andare in apnea per mantenere stabile la cinepresa ad ogni manovra acrobatica il comandante Bonazzi (capo collaudatore Aermacchi) doveva ricordarmi di respirare 100% ossigeno dalla maschera per ritornare quasi normale.

Mike-su-339-web Il Com. Bonazzi mi da gli ultimi consigli… e mi mostra dov’è la leva d’eiezione nel caso che… :” non si mai no?”

Dopo due missioni di 50 minuti (una su un aereo d’addestramento e l’altra su quello della pattuglia per poter incrociare le riprese) avevo perso 4 kg ed ero fradicio di sudore come se fossi caduto in una piscina.

Per vedere altre foto e leggere di altri viaggi cercate nei menù a tendina a destra nel menù centrale oppure andate nel mio sito fotografico

Comments are closed.